This post is also available in: Macedone Francese Spagnolo Tedesco Russo Serbo Croato Bosniaco Bulgaro

headphonesPreghiera per un’ancora introvabile parola ordinaria

Il mio corpo ti prega:
Trova una parola come l’albero comune,
come le nude mani di carbone dei nostri antenati,
il candore dalla prima orazione.
Ti prega il mio corpo per questa parola.

Ti prega il mio corpo:
Trova una parola
– proferita nel grido –
che ferisca d’istinto il sangue,
il sangue in cerca di un letto per scorrere.
Ti prega il mio corpo per questa parola.

Trova la giusta parola
a immagine di tutti i prigionieri tranquilli,
di questo vento, refolo
che risveglia negli occhi i caprioli.
Trova la giusta parola.

Trova la parola della nascita, il grido,
trova la parola. E questo tempio
prigioniero degli anni, forte dell’attesa,
da solo, umile al tuo cospetto, s’aprirà.
Trova la parola della nascita, del grido.

Traduzione di Anastasija Gjurcinova e Mia Lecomte, Nuovi Argomenti, 22.11.2021

Аco Šopov, Небиднина, 1963

 Ascolta il poema in macedone